Ebbene si, anche i giudici Europei devono formarsi! E’ quello che ha deciso il Programma Giustizia 2014-2020, istituendo un bando per progetti che hanno come scopo la formazione dei giudici europei; lo scopo del bando, che verrà co-finanziato fino a coprire l’80% dei costi, ha l’obiettivo di migliorare il lavoro dei giudici, e di creare connessione tra le parti interessate al progetto.

Molto spazio sarà dato ai corsi di lingua, con particolare attenzione alla terminologia giuridica, fondamentale per gli addetti ai lavori, ma ovviamente si tratteranno anche temi giuridici, come diritto civile e penale.

Le proposte dovranno essere vere e proprie novità, e non potranno essere duplicazioni di iniziative già esistenti; la Comunità Europea ha dato solo questo come paletto per il bando, ed il progetto dovrà essere in linea con le politiche di comunità.

I candidati e i partner devono essere organizzazioni pubbliche o private, o organizzazioni internazionali. All’interno del bando sono indicate nel dettaglio le procedure di valutazione dei progetti e la metodologia di selezione.

La scadenza per la presentazione dei progetti è il 17 novembre 2014, e la durata massima dovrà essere di massimo 2 anni dall’inizio.