Coaching: dallo sport alle HR

Esiste un legame antico e profondo tra il coaching sportivo e il coaching aziendale poiché si tratta in entrambi i casi di ambiti formativi che condividono valori essenziali, quali il teamworking, l’etica, il rispetto delle regole e la competitività.

Di conseguenza lo sport può fornire ottimi spunti per la realizzazione di strategie di HR training finalizzate alla formazione aziendale, ma prima di entrare nel vivo dell’argomento, facciamo un passo indietro e vediamo cosa si intende quando si parla di coaching sportivo.

Cos’è il coaching sportivo?

Il coaching sportivo è la strategia attraverso la quale il coach di una squadra o di un singolo atleta si impegna a migliorare le abilità del proprio gruppo, al fine di aumentarne le capacità generali o prepararlo ad affrontare una performance specifica.

Quest’obiettivo si raggiunge mediante l’educazione dell’atleta e attraverso la realizzazione di un piano formativo, volto ad accompagnare quest’ultimo sino al raggiungimento dei suoi scopi. Tale percorso parte dalla definizione degli obiettivi e mira a motivare l’atleta, a valorizzarne al massimo le potenzialità e a lavorare sulla sua emotività, nell’ottica di un approccio globale alla persona con la quale il coach instaura una relazione positiva e creativa.

Analogie tra il coaching sportivo e l’HR training

Anche il training delle risorse umane si pone come obiettivo principale il miglioramento del contesto aziendale in cui operano i propri lavoratori e la strategia che adotta è essenzialmente analoga a quella del coach sportivo.

Scopo primario del suo lavoro, infatti, è quello di aiutare il team di un’azienda a valorizzare le qualità inespresse di ogni lavoratore, tenendo conto dei seguenti obiettivi:

– Creare un ambiente sicuro e accogliente nel quale il lavoratore possa sentirsi motivato e a proprio agio;

– Dare al lavoratore la possibilità diesprimerea pieno la propria creatività e il proprio ingegno;

– Promuovere il rispetto e la collaborazione all’interno del team, al fine di minimizzare la situazioni di conflitto e creare un ambiente di lavoro stimolante;

– Aiutare il team agestire le situazioni distress;

– Stimolare l’autostima del lavoratore spingendolo a dare il meglio di sé.
Studiare programmi di formazione che mutuino concetti dall’agonismo sportivo, inoltre,può rivelarsi molto efficace anche nell’ottica della prevenzione e della gestione delle criticità, a medio o lungo termine, che possono verificarsi nella vita di ogni lavoratore.

Prepararsi in anticipo, infatti, significa garantire un migliore approccio al problema, esporre l’azienda a costi di intervento minori e ridurre considerevolmente il rischio di turnover.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Contatti

If you want to get a free consultation without any obligations, fill in the form below and we'll get in touch with you.